Le motivazioni che ti possono spingere a confrontarti con un nutrizionista sono svariate: dalla perdita di peso al miglioramento della prestazione sportiva, dalla gestione di una particolare patologia cronica fino ad una ricomposizione corporea specifica. Questo è possibile tramite la creazione di un percorso personalizzato volto non solo al raggiungimento del target ma anche ad una formazione in ambito nutrizionale, che ti permetta di diventare sempre più autonomo con il passare del tempo. Alla fine di questa esperienza sarai in grado di scegliere da solo gli alimenti adatti al tuo organismo in base alle tue esigenze e attività, capirai l’importanza del cibo giusto al momento giusto e di come stile di vita, nutrizione e psicologia siano ambiti profondamente connessi tra loro.

Il punto di partenza per ottenere tutto ciò è la visita nutrizionale. Dopo un colloquio iniziale, tramite il quale il nutrizionista viene a conoscenza delle tue necessità, dei tuoi stili di vita e dei tuoi dubbi, segue l’analisi della composizione corporea. Essa comprende la misurazione del peso e dell’altezza, delle circonferenze di arti e tronco e la rilevazione delle pliche di grasso sottocutaneo.

Per un’analisi più approfondita che includa anche la valutazione dello stato di idratazione e della massa muscolare, si può procedere con una misurazione di bioimpedenziometria vettoriale (BIVA), tecnica non invasiva, rapida e molto sensibile, sempre consigliata nel caso di sportivi che abbiamo obiettivi specifici per la loro prestazione atletica.

Al termine di tutto ciò, andrai a discutere con il nutrizionista la stesura di un piano dietetico personalizzato per le tue esigenze. Il nostro metodo di lavoro si prefigge l’obiettivo di creare un programma alimentare adeguato ai tuoi obiettivi ma allo stesso tempo che non stravolga le tue abitudini alimentari, molte volte dettate dai ritmi di lavoro e dalle sessioni di allenamento più che da una volontà personale.

La nostra proposta alimentare per te viene elaborata nell’arco di 48-72 ore e ti sarà recapitata comodamente via e-mail. Ci teniamo a sottolineare che la dieta deve essere una cosa dinamica: è per questo che invitiamo i nostri pazienti a tenersi costantemente in contatto con noi per modificare il piano alimentare in base alle nuove esigenze che si possono creare con il passare del tempo.

Ogni nuova dieta ha una scadenza di 4/6 settimane, al termine delle quali è consigliato un controllo per verificare i progressi e gli eventuali errori da correggere. Questo arco temporale rappresenta, secondo noi, il periodo massimo oltre il quale una dieta diventa monotona e non variegata, uno dei principali motivi che spinge le persone ad abbandonare il percorso nutrizionale fin qui intrapreso.

Torna su