Crampi e soluzioni: il chinino.

IL CRAMPO MUSCOLARE

L’insorgenza del crampo muscolare durante l’esercizio rappresenta l’incubo di tutti gli sportivi. Questa condizione transitoria a carico del muscolo scheletrico può influenzare significativamente il successo dell’allenamento o dell’evento agonistico. Nel corso degli anni si sono susseguite diverse teorie sull’origine di questi spasmi e sulle possibili soluzioni, ma senza ottenere qualcosa di concreto. Tra le varie alternative proposte è presente il chinino, già utilizzato in alcune condizioni mediche simili. Ma questa sostanza può davvero essere d’aiuto per risolvere questo eterno problema?

ORIGINE DEL CRAMPO

Il crampo origina da un controllo neuromuscolare alterato, favorito da uno stato di fatica del muscolo che affligge l’equilibrio tra l’impulso nervoso dai fusi neuromuscolari e lo stimolo inibitorio dell’organo tendineo del Golgi. A differenza di quanto si pensa, infatti, la teoria dell’associazione tra crampi muscolari e disidratazione o alterazione dell’equilibrio idrico-salino non trova conferme (eccetto che nel crampo da calore). Si evince quindi, come l’assunzione di integratori a base di sali minerali abbia solo un effetto placebo su questa condizione, per la quale si devono mettere in pratica strategie ben diverse.

IL CHININO: COS’E’?

Tra le sostanze che meritano particolare attenzione a riguardo, si pone il chinino. Questo alcaloide, sotto forma di polvere cristallina, si ottiene dalla corteccia della pianta Cinchona, originaria del sud america. Da sempre utilizzato per il trattamento della malaria, esso è presente anche come aroma all’interno dell’acqua tonica, nonché viene utilizzato per il trattamento dei crampi notturni in specifiche categorie di persone. Alcuni studi, effettuati su sport di squadra e di endurance, dimostrano che l’assunzione di questa sostanza, prima e dopo l’esercizio, è in grado di alleviare, se non prevenire, l’insorgenza dei crampi muscolari. Non di meno, l’accoppiamento di chinino con teofillina ha mostrato un effetto sinergico ancora più potente.

ATTENZIONE ALLE DOSI

Tuttavia, le dosi di assunzione degli studi clinici risultano superiori rispetto a quelle indicate dalle linee guida. Si deve ricordare che l’assunzione eccessiva di questa sostanza può portare a diversi effetti collaterali minori, che nel complesso possono influenzare negativamente la performance e la salute dell’atleta. Un litro di acqua tonica contiene all’incirca 60-70mg di chinino. Sebbene esso sia un quantitativo eccessivo da assumere prima dell’esercizio, il consumo di una dose commerciale di acqua tonica prima e durante l’esercizio, può aiutare l’atleta a ritardare l’insorgenza del crampo muscolare.

INTEGRATORI E TECNICHE SPECIFICHE

Gli integratori e le metodiche utili per ritardare e prevenire i crampi muscolari durante gli esercizi sono pochi e ben definiti: una consulenza nutrizionale e di preparazione atletica insieme, può aiutarvi a gestire al meglio questa condizione, portandovi al traguardo con successo e in tutta sicurezza.

Torna su